La gioia crudele

Scritto il . Pubblicato in .
Lo scatto del fotografo turco Mehmet Aslan ritrae papà Munzir al-Nazzal mentre protende in aria il suo piccolo Mustafa: la gioia in Siria nonostante la guerra e le ferite
Lo scatto del fotografo turco Mehmet Aslan ritrae papà Munzir al-Nazzal mentre protende in aria il suo piccolo Mustafa: la gioia in Siria nonostante la guerra e le ferite

E’ circolata sui giornali la foto che ritrae papà Munzir che protende in aria il suo piccolo Mustafa che sorride compiaciuto e gioioso rispondendo al sorriso amorevole del padre. La gioia di una padre e di suo figlio.

La crudeltà sta nel fatto che Munzir ha il moncherino della sua gamba appoggiata ad una stampella e suo figlio Mustafa non ha ne gambe ne braccia, per colpa di una bomba in Siria, da dove sono fuggiti per vivere in un campo profughi in Turchia. Potranno mai avere braccia e gambe artificiali? Dopo anni sono ancora così.

La crudeltà di una guerra e della indifferenza del mondo. A noi basta che stiano lontano e non ci diano fastidio.