La stagione turistica che sarà

Scritto il . Pubblicato in , .

Romano Bonacorsi titolare dello “Spaccio Spiriti Alimenti & Diversi” ci parla delle aspettative e le difficoltà di questo periodo.

Secondo appuntamento con l’approfondimento su come le attività economiche del territorio si stanno preparando alla stagione turistica 2021. Abbiamo intervistato Romano Bonacorsi titolare dello “Spaccio Spiriti Alimenti & Diversi” e Presidente del “Movimento Ospitalità Velluto” nato da qualche mese per dare una voce unita agli operatori senigalliesi del Food&Drink

Quali sono le urgenze immediate da risolvere per essere pronti alla stagione turistica 2021?
Le urgenze più immediate sono quelle di uscire il prima possibile dalla pandemia, da lì in poi si può iniziare a pensare a quello che potrebbe essere l’estate, in un momento del genere non ci sono i presupposti per pensare a organizzare eventi o manifestazioni perché non sappiamo con certezza quello che sarà il futuro, sia per i contagi sia per le decisioni del governo. Se disgraziatamente dovessimo fare un’estate con le restrizioni come l’anno scorso, Senigallia si è dimostrata all’altezza perché la nostra città ha appeal e propone una serie di proposte di locali dove il livello è sicuramente alto. Siamo dispiaciutissimi di non Abbiamo un incontro con l’amministrazione per capire come muoverci ma al momento risulta tutto difficile e di difficile impostazione.

Nell’eventualità che vada avanti questa situazione di incertezza, quali possono essere le soluzioni nel breve termine?
Nell’eventualità che vada avanti questa situazione, speriamo che ci dia se non altro una mano il clima, l’auspicio è che possiamo fare un’estate come lo scorso anno perché su tutto il territorio senigalliese è stata una bell’estate per tutti, sia da parte dei turisti che per gli operatori. Ci sono state tante presenze di persone che non erano mai state a Senigallia, perché non potevano andare in altre città dove erano abituati a andare. Questo credo sia stato un punto di partenza per far riscoprire Senigallia a chi non l’aveva mai vista o non l’aveva apprezzata appieno. Tutti gli esercenti ci hanno messo del loro accogliendogli nelle dovute maniere e con la giusta proposta. Fatto sta che per Senigallia quello che sono le tipologie di attività di ristorazione siano la ricchezza del territorio. Speriamo che l’amministrazione ci dia una mano per continuare il nostro lavoro nel miglior modo possibile, con agevolazioni su costi di gestione sul suolo pubblico e così via.

Fai una
oppure

Abbonati a Voce Misena: