Migranti accolti, emergenze ed azioni

Scritto il . Pubblicato in , .

Secondo i dati (aggiornati al 3 novembre 2021) forniti dal Dipartimento di Pubblica sicurezza e diffusi dal Ministero dell’Interno, dal 1 gennaio al 3 novembre 2021 sono finora sbarcati in Italia oltre 53 mila migranti, poco meno del doppio dei circa 30 mila sbarcati nello stesso periodo del 2020 e oltre 5 volte in più il numero registrato fino a novembre 2019. Nel solo mese di ottobre sono arrivate in Italia circa 200 persone al giorno, trend confermato in praticamente tutto il 2021.

Nelle Marche sono circa 2.500 le persone accolte tra centri di accoglienza e centri Sai, il Sistema di accoglienza e integrazione che sostituisce dal 2020 lo Sprar. A Senigallia sono una settantina i migranti accolti nella gran parte dei casi nelle strutture della Fondazione Caritas diocesana; alcuni nuclei familiari sono stati distribuiti tra Trecastelli, Serra de’ Conti, Corinaldo, Castelleone di Suasa, Ostra, Ostra Vetere, Mondolfo e Monte Porzio, mentre oltre un centinaio di persone adulte sono al Centro di Accoglienza Le Terrazze di Arcevia. I minori sono tutti accompagnati: sono 28, con un’età che va da pochi mesi di vita ai 13 anni.

«Provengono – spiega Federica Ortaggi, referente immigrazione per la Caritas senigalliese – da Nigeria, Siria, Afghanistan, Pakistan, Marocco, Tunisia, Costa d’Avorio, Somalia, Eritrea, Iraq, Egitto, Mali». Sono molti coloro che entrano in Italia attraverso sbarchi clandestini; «qui sono giunte diverse persone salvate grazie a voli protetti…

Leggi l’articolo completo nell’edizione digitale del 5 novembre, a questo link. Abbonati e sostieni l’editoria locale.

Carlo Leone