Prevenzione e lotta contro ogni abuso: il report

Scritto il . Pubblicato in , .
I controlli sul web della Polizia Postale
I controlli sul web della Polizia Postale

Non si placa il fenomeno dello scambio on line di materiale pedopornografico. Neanche la provincia di Ancona è esente da tale reato che ha visto recentemente, a fine marzo, un 53enne residente a Senigallia venire arrestato dalla Polizia Postale di Ancona. Il reato è quello di detenzione di un ingente quantitativo di foto e video, oltre 2500 files nel pc e altri dispositivi informatici in suo possesso, in cui erano ritratti minori tra i 6 e i 12 anni coinvolti in atti sessuali con adulti.

L’indagine, coordinata dal Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online, è partita da una denuncia raccolta dal Compartimento campano di Polizia postale e delle comunicazioni di Napoli. Ma in tutto il 2021, nell’ambito della pedopornografia online, la Polizia postale marchigiana ha monitorato 126 spazi web rilevandone 36 con contenuti illeciti, e trattato oltre 60 casi a seguito di denunce o segnalazioni da associazioni. Nel corso delle 23 perquisizioni, sono stati sequestrati oltre 10mila gigabyte di supporti informatici contenenti immagini e video pedopornografici: una persona è stata arrestata e 30 denunciate. Il rischio è che il 2022…

Continua a leggere sul numero digitale di giovedì 7 aprile, disponibile a questo link.
Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena