Racconti da tutta Italia per il premio letterario dedicato a Emma Fabini. Il papà: «Condivisione come si fa con gli amici»

Scritto il . Pubblicato in , .
scrittura, studio, compiti, lavoro

Grande partecipazione per il premio letterario “Emma. Il ricordo salvato”, dedicato alla memoria di una delle sei giovanissime vittime della Lanterna Azzurra di Corinaldo. Sono infatti oltre 250 gli elaborati arrivati in segreteria da tutte le parti d’Italia grazie ai giovani tra i dieci e i diciotto anni che si sono cimentati con la prima edizione di questa iniziativa per ricordare Emma Fabini, e con lei tutti gli adolescenti e la mamma Eleonora che hanno perso la vita l’8 dicembre 2018 in un club in attesa del trapper Sfera Ebbasta.

Il premio letterario, di cui si terrà giovedì 30 settembre, alle ore 21, al teatro La Fenice la cerimonia di premiazione, è stato bandito dall’associazione Amici di Emma, in collaborazione con il Comune di Senigallia, il liceo Perticari di Senigallia ed altri soggetti, con il patrocinio della Regione Marche. Grande interesse non solo dunque nel territorio senigalliese e nei comuni limitrofi, fortemente toccati dalla vicenda, ma anche nel mondo giovanile e scolastico dove l’iniziativa è stata presentata.

«Emma amava la lettura e la scrittura – ha dichiarato più volte il papà Fazio Fabini. Il premio letterario “Emma. Il ricordo salvato” nato a suo nome ha avuto un grande successo: sono arrivati elaborati da tutta la regione Marche e da altre regioni. Tanti suoi coetanei che hanno voluto condividere con lei un loro ricordo, così come si fa tra amici. Tutti amici di Emma».

Leggi il testo integrale nell’edizione digitale di giovedì 30 settembre, disponibile a questo link.

Carlo Leone