Oltre 70mila euro raccolti per i profughi scappati dall’Ucraina in guerra

Scritto il . Pubblicato in , .
Accoglienza e solidarietà ai giovani profughi scappati dall'Ucraina in guerra
Accoglienza e solidarietà ai giovani profughi scappati dall’Ucraina in guerra

Una guerra logorante si sta combattendo ancora, dopo cinque mesi dall’invasione russa dei territori dell’Ucraina. Siamo intervenuti subito, in coordinamento con Caritas italiana, per studiare come dare un aiuto efficace alla popolazione civile, in particolare a coloro che sono fuggiti dal proprio Paese bombardato e hanno chiesto protezione. L’aiuto dei nostri donatori sulla piattaforma www.ridiamodignita.it è stato fondamentale per costruire progetti duraturi e funzionanti, di accoglienza e di cura, per questo non smetteremo di ringraziarli.

Come abbiamo utilizzato e stiamo utilizzando ancora le tante donazioni, che ammontano a più di 72.000 euro? 10.000€ sono stati spesi in buoni pasto da usare in una catena di supermercati molto presente nel territorio, consegnati in buoni da 50€ alle famiglie ucraine, per lo più mamme con figli, ospitate presso familiari, amici o singoli marchigiani che hanno dato la propria disponibilità all’accoglienza. Si tratta di circa 90-100 famiglie ucraine che non sono quindi inserite nei sistemi strutturati di accoglienza.

7.000€ sono dedicati ai minori ucraini, i quali si sono trovati catapultati in una realtà assolutamente nuova, spesso traumatizzati dall’esperienza della guerra e talvolta orfani delle figure maschili di riferimento. Alcuni di loro sono stati iscritti ai centri estivi che la città propone, sportivi ed educativi, con servizio di trasporto annesso, anche con lo scopo di favorire la fondamentale relazione con bambini e bambine coetanei. Avvicinandosi poi l’inizio del nuovo anno scolastico stiamo procedendo all’iscrizione dei minori (scuola dell’infanzia, scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado) che sicuramente saranno costretti a restare in Italia, all’acquisto del materiale scolastico e dei libri di testi. Questi minori per ora sono circa 25 ma chiaramente non possiamo prevedere se entro settembre altri minori dovranno restare da noi.

21.500€ sono stati investiti nell’allestimento della principale struttura di accoglienza della città, che attualmente…

Continua a leggere sull’edizione digitale del 5 agosto, cliccando QUI.
Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena