“Be your hero”: una proposta per ragazzi per imparare a superare gli ostacoli

Scritto il . Pubblicato in , .

A Corinaldo dal 3 al 6 giugno “Be Your Hero”, un’esperienza formativa per 50 ragazzi tra sport e arte. In un panorama in continua trasformazione cresce il bisogno di fornire strumenti adeguati ai ragazzi per gestire questi tempi complessi. Ce ne parla ai microfoni di Radio Duomo – Inblu Riccardo Silvi, assessore alla partecipazione del Comune di Corinaldo.

“Be your hero” è un esperimento, un campus scolastico, un luogo di arte, ma in particolar modo vuole essere un’esperienza per i ragazzi adolescenti e preadolescenti, che ha l’obiettivo, in qualche modo ambizioso, di imparare a superare gli ostacoli. È un progetto che nasce oramai qualche tempo fa, ovviamente poi la pandemia ha rallentato tutto, e adesso si vede concretizzare nel primo week end di giugno e coinvolgerà circa 50 ragazzi. Nasce un po’ dalla riflessione su quanto è accaduto nel 2018 con i fatti della Lanterna Azzurra per cui, passato l’impatto emotivo iniziale, si è aperta internamente alla nostra comunità una riflessione rispetto anche a quale potesse essere un ruolo, una risposta, un’iniziativa che avesse un senso. Quest’ultimo è stato trovato nella proposta di creare un’esperienza formativa, una scuola che aiutasse i ragazzi a prendere coscienza delle loro capacità, a far sì che il tema tanto narrato della sicurezza non fosse delegato solamente a elementi esterni delle nostre persone ma fosse anche una propria competenza e capacità. Abbiamo coinvolto il team di Sineglossa ed è nata questa iniziativa che vedrà partecipare 50 ragazzi di 3 istituti scolastici superiori, 2 di Senigallia e uno di Ancona, in un percorso di attività sportiva molto particolare, che è l’art de deplacement, l’arte dello spostamento, sport simile al parkour ma inclusivo e non competitivo. Si svolgerà per i vicoli e le vie del nostro borgo di Corinaldo e avrà anche una parte più formativa e psicologica. I ragazzi, attraverso anche una serie di strumenti basati sugli archetipi, avranno il compito di acquisire alcune competenze speciali, alcune soft skill, come vengono chiamate, che sono l’empatia, la curiosità, la forza e la consapevolezza, attraverso figure come l’angelo custode, l’esploratore, il guerriero e il saggio. L’altra gamba di questo progetto si chiama “The Spot” ed è un vero e proprio festival di street art che vedrà coinvolti due artisti internazionali, Biancoshock e Rub Kandy, che lavoreranno insieme in particolar modo ai ragazzi della Scuola secondaria di primo grado di Corinaldo sulla rappresentazione delle loro paure e dei loro limiti, attraverso la creazione di un’opera poster, un poster art. Accanto a questo poi verranno inaugurati, al termine della scuola di formazione di giugno, 3 grandi pannelli all’esterno del nuovo palazzetto dello sport di Corinaldo con 3 loro opere, che saranno la cornice dove annualmente artisti internazionali di arte urbana verranno chiamati nel borgo di Corinaldo a reinterpretare il concetto di collaborazione e sicurezza. Tutto questo è appunto “Be your hero”. È possibile trovare informazioni sul sito dedicato che è be.youhero.it e sulla pagina Facebook del Comune di Corinaldo.

a cura di Barbara Fioravanti

Fai una
oppure

Abbonati a Voce Misena: