A bordo di una nave speciale, senza limiti e con la voglia di stare insieme

Scritto il . Pubblicato in , .
Foto di gruppo sulla nave ‘Amerigo Vespucci’ – La Spezia

La giornata dell’ 8 ottobre 2021sarà da ricordare. Quindici ragazzi “speciali” (diversamente abili e psichicamente fragili) con i loro accompagnatori, gli organizzatori e i giovani istruttori della Scuola di Vela Terapia di Volano -insieme al loro Direttore sportivo Stefano Totti e la responsabile Patrizia Rami coordinati dal Dott. Matteo Mingozzi-, sono approdati al porto di La Spezia.

Ad accoglierli con grande cordialità sulla nave “più bella del mondo”, l’Amerigo Vespucci,alcuni membri dell’equipaggio insieme al lorocomandate Massimiliano Siragusa e ilvice comandante Tommaso Faraldo. Si è così realizzato un sogno per i promotoridell’iniziativa, il tesoriere Mario Mainero e il segretario Marco Lorenzetti della Tridente Class (una piccola imbarcazione a vela molto conosciuta nell’ambito dei circoli velici e anche dalla Federazione Italiana Vela) grazie alla passione e all’amicizia condivisa con il Vice Comandante Faraldo.

Come ama ricordare il Presidente della Classe, Luca Bracci del Cantiere Nautico Adriatico, da sempre costruttore di questo tipo di imbarcazione, la Tridente, oltre cheessere estremamente versatile e utilizzata da un gran numero di velisti è anche una barca che ha fatto la storia della vela.Per questo è una barca per tutti, dai principianti o gli amatori della domenica, fino ai più abili atleti del settore o professionisti velisti come il Vice Comandante Tommaso Faraldo.

All’incontro con la Regina Vespucci si è arrivati partendo da lontano. 

I rappresentati della Tridente Class, infatti, avevanoiniziato alcuni anni fa ad istituire dei corsi di vela gratuiti per persone diversamente abili di Senigallia edi altri circoli velici dell’Adriatico.

Poi grazie aiprogetti Vela per tutti e Handar per mare da tre anni,in occasione dei campionati italiani della Classe Tridente che si svolgono i primi giorni di settembre in uno specchio di mare diverso, oltre agli atleti hanno partecipato con entusiasmo anche i “ragazzi speciali”, poiché il mare non solo è di tutti ma è per tutti!

La bellezza dell’esperienza di questi anni ha visto la partecipazione e l’interessamento dei circoli nautici (AVS,Club Nautico, ANMV e Lega Navale di Senigallia; Vela Club Marotta e Torrette di Fano, Circolo VelicoArdizio di Pesaro, Circolo Nautico Volano di Ferrara) e il coinvolgimento crescente di volontari, familiari, amici, di organizzazioni sociali del territorio, di enti pubblici e privati: da Ancona, la cooperativa sociale Centro Papa Giovanni XXIII e Polo9scs-is; a Senigallia la Casa della Gioventù cooperativa sociale onlus, l’Associazione Amici disabili, la Fondazione A.r.c.a., la Fabbrica dei Sogni; da Ostra Vetere l’Associazione Il Giardino dei Bucaneve)

La giornata a La Spezia ha rappresentato il coronamento di un percorso che ha coinvolto anche l’Associazione Amici Disabili di Senigallia e ha ricevuto l’incoraggiamento da parte del Comune di Senigallia. L’equipaggio ha accolto con calore il gruppo dei cinquanta partecipanti; ha accompagnato la salita a bordo e ha poi reso possibile la visita guidata alla nave. Il Comandante ha rivolto un saluto e insieme al Vice Comandante ha omaggiato i presenti con alcuni gadget della Marina Militare Italiana.