Al nido in un’azienda agricola

Scritto il . Pubblicato in , .

Larisa Lupini, titolare di un’azienda agricola a Ostra, all’interno della quale è presente un agrinido, ci spiega le caratteristiche di questa proposta educativa dedicata ai più piccoli, che ha come fondamento il metodo montessoriano e quindi il contatto con la natura, in un periodo come questo dove le attività all’aperto sono consigliate anche per una maggiore sicurezza.

Larisa, in che cosa consiste questo progetto educativo?

Sono Larisa Lupini, titolare dell’azienda agricola Lupini e dell’Agrinido “L’Orto dei pulcini” di Ostra. L’agrinido nasce da un progetto regionale, il “Modello di Agrinido di Qualità della Regione Marche” e rientra nella “Rete degli Agrinido di Qualità della Regione Marche”. Questa comprende attualmente quattro strutture che, a partire dal 2010 si sono dedicate all’Agricoltura Sociale, ovvero un’attività connessa con le rispettive aziende agricole che ha come obiettivo quello di offrire dei servizi di qualità al territorio, in modo particolare alle fasce più sensibili della popolazione. È provato, infatti, che queste persone (in particolare bambini, anziani, disabili) possono trarre benefici dal contatto con la natura e dalle attività che possono svolgere all’interno dell’azienda agricola. Avendo un’azienda agricola che si prestava per questo progetto ho deciso di partecipare al bando regionale e nel 2014 ho avviato l’attività. Agrinido ospita bambini da 0 a 3 anni e sorge all’interno dell’azienda agricola. Il progetto educativo si basa sull’educazione all’aperto o “outdoor education” ovvero i bambini che frequentano stanno ogni giorno a contatto con la natura, partecipano, sperimentano ed esplorano tutte le attività e le dinamiche che hanno luogo all’interno della nostra realtà.

In che modo lo proponete nella vostra realtà?

In agrinido non c’è un programma scritto: sono la natura e l’azienda agricola che suggeriscono le attività da svolgere. Esse saranno ogni giorno diverse, in base alle stagioni, alle condizioni climatiche e a tante altre variabili che rendono uno stesso luogo ogni giorno differente. All’Orto dei pulcini seguiamo il pensiero Montessoriano. Ho fatto questa scelta per tre ragioni precise: Maria Montessori è originaria del nostro territorio; nel nostro territorio e in generale in Italia non c’è molta offerta di educazione montessoriana e infine l’educazione all’aperto è il contesto ideale per l’applicazione del pensiero montessoriano, in base al quale l’attività è suggerita dall’interesse del bambino. Maria Montessori diceva infatti che i bambini traggono dalla natura infiniti stimoli per la loro crescita e il loro progresso psicofisico. L’azienda agricola ideale per ospitare un agrinido è quella tradizionale marchigiana. Il progetto agrinido vuole anche riproporre la famiglia tradizionale della nostra regione in cui più nuclei familiari convivevano e ognuno aveva un ruolo preciso, tra essi c’era anche chi si occupava dell’educazione dei più piccoli, che avveniva all’aperto.

Nella mia azienda ci sono un orto, gli animali all’aperto, un vigneto un oliveto, alberi da frutto e un bosco. I bambini hanno l’opportunità di fare molteplici e diversificate esperienze in base al susseguirsi delle stagioni e alle attività che si svolgono in azienda. A settembre partecipano alla vendemmia raccogliendo l’uva, schiacciandola e assaggiando il mosto. Poco dopo c’è la raccolta delle olive. In inverno ci sono le potature e la sistemazione del terreno dell’orto che poi a primavera verrà piantumato. Si seguirà la crescita delle piante, il nascere dei fiori e dei frutti, che poi si raccoglieranno. I bambini inoltre partecipano anche alla preparazione dei pasti. Abbiamo infatti una cucina interna che prepara i pasti ai bambini con i prodotti dell’azienda che è biologica dal 2005. Questo è un elemento che qualifica ulteriormente il servizio, perché dà la possibilità ai bambini, oltre che di avere cibi salubri a km 0, anche di seguire il ciclo del cibo dalla terra al piatto. Ogni giorno, inoltre, ci prendiamo cura degli animali dell’azienda portando loro da mangiare e coccolandoli, assistiamo alle nascite e purtroppo anche alle morti naturali. Nel bosco andiamo per rilassarci, per ascoltare i suoni della natura, per cantare, leggere e ascoltare delle storie, arrampicarci sugli alberi, raccogliere materiale naturale. L’agrinido svolge anche molte attività per le famiglie: lo sportello di ascolto individuale, incontri collettivi di confronto per le famiglie, la “Scuola Montessori per genitori”. Chiaramente in quest’ultimo periodo è stato molto difficile incontrare i genitori a causa della pandemia e quindi abbiamo deciso di proporre comunque queste attività a distanza, ma torneremo a farli in presenza appena possibile perché il rapporto con le famiglie è fondamentale per noi.

Quali sono i benefici che i partecipanti possono trarre da un’esperienza di questo tipo?

Come dicevo prima già Maria Montessori affermava che la natura offre infiniti stimoli ai bambini per la loro crescita psicofisica. È stato confermato anche da studi scientifici nel campo medico-sanitario, che il contatto con la natura offre numerosi benefici fisici e psichici non solo ai bambini, ma a tutte le persone. Stare in natura rilassa, attiva i cinque sensi, inoltre virus e batteri si disperdono più facilmente all’aperto che al chiuso di una stanza, quindi ci sono meno possibilità di contrarre malattie. Ricordo che anche nella mia tesi di laurea, dove mi occupavo delle innovazioni nelle aziende agricole marchigiane, avevo trattato questo argomento e avevo verificato che l’azienda agricola può offrire infinite possibilità di miglioramento e recupero non solo ai bambini, ma anche agli anziani ai disabili a chi deve riabilitarsi e reinserirsi in società o in ambito lavorativo dopo un periodo di malattia, di permanenza in carcere, in ospedale o in comunità. Per quanto riguarda i bambini nello specifico, stare a contatto con la natura significa anche imparare ad apprezzare l’ambiente, il territorio e le sue bellezze e quindi rispettare e preservare la natura e il nostro pianeta. Proprio per tutti questi motivi stiamo lavorando a un nuovo obiettivo che è quello di estendere la fascia di utenza da 0-3 a 0-6 anni così da applicare quella che si chiama continuità educativa 0-6 (legge 107/2015) e da far vivere ai più piccoli questa esperienza per tutta la durata della loro infanzia.

Proponiamo anche un centro estivo da 0 a 11 anni dal 7 giugno al 10 settembre, dal lunedì al venerdì, per tutta la giornata (7:30-18:30). Potete seguirci sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram “Agrinido l’Orto dei pulcini” o contattarci al nostro indirizzo email ortodeipulcini@gmail.com o al numero 3387230537. Ci trovate a Ostra in via Loretello, 12 all’interno dell’azienda agricola Lupini che è in via Loretello, 8.

a cura di Barbara Fioravanti

Fai una
oppure

Abbonati a Voce Misena: