Altre abitazioni intorno e dentro il parco della Cesanella

Scritto il . Pubblicato in , .
La lottizzazione all'interno del parco della Cesanella, a Senigallia
La lottizzazione all’interno del parco della Cesanella, a Senigallia

Si avvicina il momento di realizzare altre unità abitative all’interno del parco della Cesanella, a Senigallia. L’ipotesi, prevista già da una dozzina di anni grazie alle varianti al piano particolareggiato del quartiere, sta arrivando alla fase edificatoria di un’ulteriore lottizzazione oltre alle famose quattro “ville sul parco” che avevano suscitato varie critiche. L’inizio dei lavori nella zona antistante al parco, cinque unità residenziali in un unico lotto verso via Sanzio, e l’apposizione nella parte opposta, verso via Mattei, della rete arancione da cantiere hanno fatto mugugnare vari cittadini che frequentano l’area verde.

Il parco è infatti uno dei più estesi polmoni verdi della città che va verso nord dal quartiere Vivere Verde fino a quello di Cesanella. Un’area di oltre 20 ettari che nasce all’inizio degli anni 2000 come terreno per la compensazione ambientale in vista dell’allora futura terza corsia dell’A14. Con alcune varianti e progetti edificatori, si è progressivamente ridotta l’estensione per poter ospitare abitazioni. E in queste settimane sta per partire appunto il progetto, approvato a fine giugno 2020 (delibera n.92), proposto dalla Delta Costruzioni Srl di Senigallia per il comparto “E” all’interno del particolareggiato della frazione.

Nell’area più a ridosso di via Mattei «verrà realizzato al momento – spiega l’assessore all’urbanistica Gabriele Cameruccio – solo uno dei 16 lotti abitativi BR2, oltre alle opere di urbanizzazione. Sono previste le realizzazioni di un’unità residenziale bifamiliare, la viabilità interna ai lotti e di raccordo a quella esterna pubblica, parcheggi, sottoservizi e verde pubblico». Per quanto riguarda le case e le strade, sarà edificato “solo” il 20% del parco

Continua a leggere nell’edizione digitale di giovedì 19 maggio, cliccando qui.
Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena