Comunicare e valorizzare attraverso i mosaici

Scritto il . Pubblicato in , .

Cristina Cucchi, una delle volontarie dell’associazione culturale Chiaro scuro di Marotta, descrive il progetto che prevede la realizzazione di mosaici, con materiale di scarto e anche su tematiche sociali, sul lungomare di Marotta.

L’ associazione culturale Chiaro scuro di Marotta nasce nel 1999 dal bisogno di creare momenti aggregativi anche attraverso i molteplici corsi che organizza come pittura, poesia, scrittura creativa, teatro, cucito e mosaico. Quest’ultimo è divenuto vetrina dell’associazione in quanto dal 2015 ha preso forma il progetto “Mosaichiamo la città”, il quale in accordo con l’amministrazione comunale di Mondolfo, prevede la realizzazione di arredi urbani in mosaico sui muretti del lungomare di Marotta, usando materiale di scarto e in forma volontaria coinvolgendo molti cittadini, le scuole del territorio, anziani, altre realtà associative, turisti. Inoltre aderiscono anche artisti di fama nazionale e internazionale, che con le loro opere realizzate con la tecnica del mosaico trencadis valorizzano tutto il territorio comunale, non solo dal punto di vista estetico e decorativo ma anche da un punto di vista di interesse sociale. L’elemento di forza del progetto “Mosaichiamo la città’” è il gruppo eterogeneo che vuole donare bellezza e arte alle persone e al luogo stesso. Grazie ai volontari di Chiaro scuro, al materiale di recupero e alla fantasia artistica sono stati realizzati più di 1 km di opere d’arte con oltre ottocentomila frammenti colorati.  L’associazione si è distinta negli anni per le iniziative svolte sul territorio, ha sostenuto attraverso il mosaico la sensibilizzazione alla denutrizione infantile nel 2019 e nel 2020 la problematica del femminicidio.  Per l’anno 2021 è in corso “Frammenti per la pace”, un’attività culturale e artistica con l’obiettivo di trasmettere il messaggio al grande pubblico e per mantenere i valori umani comuni.

Molti gli eventi e progetti che ruotano intorno al mosaico come “Timbridiversi”, serata nata per caso dalla passione del mosaico, dove musica, poesia, danza, silenzio possono coesistere donandoci il tempo di stare insieme. Siamo tutti delle tessere che formano il mosaico della vita, la più grande opera d’arte. E poi la mostra collettiva di mosaico “Tessere e frammenti”, che dal 2018 ospita le opere di artisti nazionali e internazionali e diffonde la conoscenza per l’arte musiva. Inoltre il progetto “Frammentiuniti”, compiuto con la collaborazione di artisti di discipline diverse trasformate in mosaico. Infine lo scorso settembre si è svolto il primo “Mosaichiamo la città festival”, patrocinato dal Comune di Mondolfo, che si propone l’obiettivo di far conoscere la realtà artistica e il territorio nel quale si svolge. La prossima edizione è programmata per maggio 2022. Insomma Chiaro scuro è un luogo dove condividere passioni!

a cura di Barbara Fioravanti

Fai una
oppure

Abbonati a Voce Misena: