Il giro del mondo fotografico: la sudcoreana Sue Park in mostra a Senigallia

Scritto il . Pubblicato in , .
Sue Park, China, Prayer

È stata recentemente inaugurata a palazzo del Duca di Senigallia la mostra Sounds of silence della fotografa sudcoreana Sue Park, più volte vincitrice del Photo Awards e direttrice della Shatto Gallery di Los Angeles. In mostra fino al 4 giugno 2023 si potranno ammirare 100 fotografie, dedicate principalmente alla rappresentazione della bellezza della natura. Luoghi incantevoli e scorci di vita colti in Asia, Europa e nelle Americhe che sussurrano sommessamente, evocando un senso di meraviglia e misticismo per la loro magnificenza. La mostra organizzata dal Comune di Senigallia e curata da Lorenzo Uccellini, è stata realizzata con il patrocinio della Fondazione Dott. Leopoldo Uccellini e il sostegno della Regione Marche nell’ambito del progetto Senigallia Città della Fotografia.

La mostra è un vero e proprio giro del mondo orizzontale, da est a ovest, compiuto da Sue Park, in cui racconta con una immediatezza quasi fanciullesca e senza pretesa di re-interpretazione, la bellezza che ha vissuto e fotografato. La sua è una fotografia prettamente naturalistica, in cui la post produzione è ridotta al minimo, tuttavia nelle immagini ci racconta anche se stessa e le proprie esperienze che, come avviene ripercorrendo un album di famiglia, risvegliano sensazioni e ricordi: il freddo delle terre di Hokkaido, la magia della brezza leggera delle valli Toscane, la litania lontana dei pescatori malesi, il profumo dell’incenso, il sapore del sale che riempie la costa colpita dalla tempesta e la nostalgia di un punto di nero in una distesa di bianco. Gli scatti di Sue Park sono fortemente vitali e comunicano la “semplicità” e la spontaneità della natura rendendo partecipe lo spettatore, come se, insieme all’autrice, sia stato partecipe per 1/250 di secondo dello scatto di quello spettacolo di cui siamo tutti intimamente e inconsapevolmente una parte imprescindibile.

Sue Park, Canada, Melting Snow
Sue Park, Canada, Melting Snow

«La grande tradizione fotografica di Senigallia – spiega l’assessora alla cultura della Regione Marche Chiara Biondi – merita questa attenzione e merita che attorno a questa specificità si continui a lavorare per portare ancora i protagonisti della fotografia mondiale. E’ un’opportunità per tutta la Regione, che può avvalersi così di questo carattere per farsi apprezzare in Italia e fuori dall’Italia». Soddisfatti il sindaco di Senigallia Massimo Olivetti e l’assessore alla cultura Riccardo Pizzi che parlano di «uno straordinario viaggio per immagini che attraversa le bellezze naturali dei cinque continenti, una mostra con cui concludiamo questo intenso anno di offerte culturali».

«Sue Park si definisce una ricercatrice di bellezza e la Natura, nelle più svariate manifestazioni, rappresenta la sua mappa del tesoro», scrive il curatore Lorenzo Uccellini. «Che siano paesaggi sconfinati o minuscoli dettagli “rubati” alle magie di luci e ombre o alle forme astratte dal contesto generale, lo sguardo di Sue è quello di un’amante appassionata che oltrepassa la contingenza del visibile, registrando negli scatti fotografici istanti che raccontano le storie eterne degli alberi o i suoni silenziosi delle innumerevoli creature viventi che popolano gli scenari. E a noi pare persino di ascoltarli quei silenzi e quelle antiche storie, ognuno con il proprio vissuto immerso tra memoria personale e inconscio collettivo, come solo le favole sanno offrire».

Mostra aperta dal giovedì alla domenica con orario 15-20. Ingresso 8 euro, con varie scontistiche.
Info: Feelsenigallia.it