La Fattoria Didattica Dei Conti a Scapezzano, luogo per grandi e piccoli

Scritto il . Pubblicato in , .
Fattoria Didattica Dei Conti

Sonia Boria, titolare insieme al marito della Fattoria Didattica Dei Conti a Scapezzano di Senigallia, dai microfoni di Radio Duomo – Inblu descrive le fasi della nascita di questa bella realtà del nostro territorio e le interessanti proposte per grandi e piccoli, che riprenderanno non appena la situazione lo renderà possibile.

Sono qui per raccontarvi questa nostra esperienza. La nostra fattoria nasce nel 2001 con le prime caprette che erano state acquistate per il latte per i nostri figli perché avevano un problema di intolleranza alimentare. Poi sono arrivate anche le prime galline, le prime anatre, il primo vitellino, il primo maialino, l’asino, il cavallo, vari animali insomma. I bambini, stando in campagna, ci avevano fatto queste richieste e ci hanno guadagnato soprattutto in salute. In seguito le mie amiche che insegnavano a scuola ci hanno richiesto di poter venire con gli alunni, mosse dal fatto che i bambini vedessero gli animali solo in fotografia sui libri e non ne avessero mai toccato o accarezzato uno di questi che abbiamo in fattoria. E così ci siamo aperti alle scuole, pensando che non potesse interessare, invece le richieste erano sempre di più. Abbiamo iniziato a fare dei percorsi formativi, visto che già iniziavano a esserci le prime fattorie didattiche, e insieme agli insegnanti abbiamo elaborato varie proposte, in modo da poterci agganciare ai programmi scolastici tramite questo tipo di esperienze. Anche le famiglie hanno poi iniziato a chiedere di poter venire con gli altri figli. Abbiamo accolto favorevolmente anche la loro richiesta. Così siamo rimasti aperti anche la domenica per loro e abbiamo visto che le prenotazioni aumentavano.

Poi è nata la prima scampagnata il 25 aprile in fattoria, a base di lonza, fave e pecorino, dove le persone portavano la classica coperta, si stendevano all’ombra e si mangiava tutti insieme. Adesso è diventata un po’ una tradizione: tutti gli anni, eccetto l’anno scorso e penso che salterà anche quest’anno, l’appuntamento si ripete. È un momento di condivisione. Sono anche nati i primi eventi in fattoria di domenica, che promuoviamo sui nostri social, Facebook, Instagram e sul sito web, per cui le persone possono prenotarsi e trascorrere con noi una giornata in campagna. Per noi vivere qui è stata una grossa scelta di vita. Successivamente, 10 anni fa, è nato anche il centro estivo in fattoria, visto che le famiglie sempre più ci chiedevano un’alternativa al mare e allo sport per il periodo estivo, di modo che i bambini potessero vivere differenti esperienze in ambienti diversi. Il bambino per noi è importante perché viene qui per realizzare dei sogni. Noi proviamo a esaudire i molti desideri dei più piccoli.

Studiamo soprattutto le scienze naturali e la geografia dal vivo, facciamo anche molte passeggiate, oltre a stare in fattoria, coltivare l’orto tutti i giorni e accudire gli animali. Quattro anni fa abbiamo iniziato a proporre gli agriaperitivi, per cui abbiamo avuto un boom di partecipazioni, dove le persone la sera vengono via dal mare per fare un aperitivo in fattoria. Li avevamo chiamati “Agroaperitivi al tramonto in fattoria”. E mentre i genitori degustavano dei salumi, seduti sulle balle di paglia o a terra, noi portavamo i bambini in fattoria a vedere come dormivano gli animali, anche se spesso molti erano svegli per il chiasso, come se stessero aspettando il nostro arrivo per vederli dormire. È bello vivere in una fattoria, non ci si annoia mai! Qui il lavoro non manca, tutti i giorni dell’anno e anche durante le festività. In questo periodo di chiusura al pubblico a causa del Covid gli animali sono lì tutti i giorni che ci aspettano, aspettano noi e voi, per quando riapriremo, aspettano le vostre coccole e carezze. Loro sanno dare tanto affetto! Grazie a tutti per l’attenzione e seguiteci sui nostri social e sul nostro sito www.fattoriadidatticadeiconti.it.

a cura di Barbara Fioravanti

Fai una
oppure

Abbonati a Voce Misena: