Marzocca re-lab, un’idea di frazione adriatica

Scritto il . Pubblicato in , .
Uno dei punti della frazione di Marzocca, a Senigallia, sotto i riflettori della riqualificazione urbanistica
Uno dei punti della frazione di Marzocca, a Senigallia, sotto i riflettori della riqualificazione urbanistica. Foto da Mappelab.it/associazione-dmkm-278/marzocca-relab/

Si è conclusa la prima fase di Marzocca Re-lab, il progetto per la rigenerazione sociale e urbana di una frazione costiera adriatica promosso dall’associazione Demanio Marittimo.KM-278, in collaborazione con il Comune di Senigallia e l’Università degli studi di Camerino. L’iniziativa è risultata vincitrice assieme ad altri 42 progetti della terza edizione di Creative Living Lab – costruire spazi di prossimità per progetti di rigenerazione urbana, promosso dalla Direzione generale creatività contemporanea del Ministero della cultura. Di fatto, dopo mesi di incontri aperti alla cittadinanza e workshop con le università, è stata completata la parte “pubblica” del progetto, che ha visto ospiti e relatori figure del calibro degli architetti Luca Di Lorenzo Latini, Emanuele Marcotullio e Giulia Menzietti, del sound designer e film-maker Alessio Ballerini, dell’artista Oliviero Fiorenzi, del biologo marino e narratore Fabio Fiori. E ancora, il noto chef e imprenditore creativo Moreno Cedroni, il designer Riccardo Diotallevi, la fotografa Paola De Pietri, il geografo Franco Farinelli e lo studio di graphic design ma:design.

Ora è il momento del lavoro vero e proprio degli studenti dell’università camerte e della scuola di architettura e design di Ascoli Piceno. Ci sarà una suddivisione in due tavoli di lavoro: uno dei due focus si concentrerà su socialità, attività culturali e sportive, mentre l’altro punterà sulle realtà economiche più antiche, sulle tradizioni, sull’ospitalità e sull’accoglienza. «Questi dati socio economici – Cristiana Colli, curatrice e responsabile scientifica del progetto Marzocca Re Lab – andranno a completare le nostre riflessioni ….

Continua a leggere sull’edizione digitale di giovedì 16 giugno, cliccando QUI. Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena.