L’estate che farà. Cap. 1, il Caterraduno

Scritto il . Pubblicato in , .
Il concerto all'alba di Arisa, per il CaterRaduno del 2018, davanti a migliaia di persone
Il concerto all’alba di Arisa, per il CaterRaduno del 2018, davanti a migliaia di persone

Il Caterraduno lascia definitivamente Senigallia. Dopo la pausa covid e dopo l’edizione 2021 trasformata in un tour tra la spiaggia di velluto, Cattolica e Pesaro, è arrivata la notizia dell’addio definitivo alla città che l’ha ospitato per 15 anni. L’annuncio è arrivato proprio durante la trasmissione radiofonica Caterpillar del 25 marzo, con i conduttori Sara Zambotti e Massimo Cirri che hanno confermato quella che ormai era più di una voce. Sarà infatti Pesaro, neo nominata tra l’altro dal ministro Franceschini Capitale Italiana della Cultura 2024, a ospitare il Caterraduno 2022.

Se il sindaco Matteo Ricci gongola ammettendo che era un «obiettivo che seguivamo da anni», a 30 chilometri di distanza si moltiplicano le voci di dissenso verso una scelta che ha il sapore di un cambiamento anche politico. Il primo a essere deluso è colui che a inizi anni 2000 – tra l’autunno la fine del 2005 – da assessore al turismo “agganciò” Caterpillar: fu, infatti, Luigi Rebecchini ad avanzare la candidatura di Senigallia a sede di quello che inizialmente era un evento “nomade” e che allora cercava una location nuova. «Mi dispiace sinceramente che Senigallia abbia perso il Caterraduno, per la promozione che l’evento portava, per gli importanti concerti serali e anche per quelli all’alba» ha detto Rebecchini, oggi consigliere di maggioranza ma con una compagine opposta a quella del 2006, primo anno di Cater a Senigallia.

Critiche arrivano anche da Vola Senigallia con la capogruppo Stefania Pagani e dal consiglio regionale: il capogruppo dem Maurizio Mangialardi ha sottolineato il valore dell’evento. Sulla “portata” in termini di pubblicità alla città ospitante legata all’evento radiofonico intervengono invece le associazioni di categoria che esprimono perplessità…

Continua a leggere nell’edizione digitale di giovedì 31 marzo, cliccando qui.
Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena.