La vita al centro (di Mondolfo)

Scritto il . Pubblicato in , .
Il centro socio-educativo riabilitativo "La Rosa Blu" a Mondolfo, intitolato a don Aldemiro Giuliani
Il centro socio-educativo riabilitativo “La Rosa Blu” a Mondolfo, intitolato a don Aldemiro Giuliani

Verrà intitolato a don Aldemiro Giuliani, uno dei promotori del servizio, il centro socio-educativo riabilitativo “La Rosa Blu” di Mondolfo. L’iniziativa si terrà domenica 30 ottobre, a due anni esatti dalla sua morte, con una messa alle ore 9 presso la chiesa di sant’Agostino, per poi spostarsi in viale Vittorio Veneto 2 per la scoprimento della targa e l’intervento delle autorità.

Quella del centro diurno per disabili è una realtà longeva, nata nei primi anni ‘90 anche per volontà di don Aldemiro. Il sacerdote originario di Trecastelli, dove nacque nel 1933, poi divenuto parroco a Mondolfo, si è sempre impegnato nel sociale, con particolare attenzione ai più fragili, agli ultimi, a coloro che spesso sono considerati invisibili. Non per lui che si è preso cura fin dal 1960 dei giovani orfani e abbandonati, dei malati, dei disabili, degli anziani.

Attività laboratoriali al centro socio-educativo riabilitativo "La Rosa Blu" di Mondolfo, intitolato a don Aldemiro Giuliani
Attività laboratoriali al centro socio-educativo riabilitativo “La Rosa Blu” di Mondolfo, intitolato a don Aldemiro Giuliani

Il centro socio-educativo riabilitativo “La Rosa Blu”, che sarà intitolato a don Aldemiro Giuliani, fa parte dei servizi sociali del Comune di Mondolfo che si occupa del trasporto dei ragazzi, della pulizia dei locali e della fornitura dei pasti; è gestito dalla cooperativa “Casa della Gioventù onlus” di Senigallia. Attualmente ospita….

Continua a leggere sull’edizione digitale di giovedì 27 ottobre, cliccando QUI.
Sostieni l’editoria locale, abbonati a La Voce Misena