Benemerenza a Caritas e cittadini di Montemarciano per l’impegno civico

Scritto il . Pubblicato in , .
Benemerenza a Caritas e cittadini di Montemarciano per l'impegno civico
Benemerenza a Caritas e cittadini di Montemarciano per l’impegno civico

Lo scorso 21 dicembre l’amministrazione comunale di Montemarciano ha consegnato 19 riconoscimenti a cittadini e associazioni che, nel corso del 2022, si sono contraddistinti per l’impegno civico. La cerimonia, simbolica ma molto sentita, è giunta alla sua terza edizione.

Il riconoscimento è stato assegnato alla Caritas Montemarciano e Caritas Marina per il supporto dato all’Amministrazione nella gestione dell’emergenza Ucraina; a Raffaella Recanatesi per avere contribuito alla gestione sanitaria di un’ospite ucraina; Arianna Ulisse per il contributo dato a sostegno delle necessità domestiche di una famiglia ucraina.

Insigniti della benemerenza anche Elisa Amagliani, Martina Paolasini, Dorotea Calderisi, Francesco Dentamaro, Lucia Ragaglia, Sara Malak, Pasqualina Fiorentino, Tatiana Tantucci, Roberta Prete, Debora Rotatori, Fabiola Caprari, Maurizio Grilli, Raffaela Sbardellati per avere messo a disposizione il proprio tempo libero per accompagnare le ragazze ucraine alle lezioni di italiano.

Le segnalazioni dei cittadini hanno premiato Matteo Stefani per avere organizzato delle giornate di raccolta rifiuti nei giardini pubblici; Silvia Bellocchio che ha consegnato alla Polizia municipale un portafoglio ritrovato nel negozio in cui lavora, che conteneva circa 500 euro; Maria Avaltroni per essersi sempre prodigata per gli altri ed essere un punto di riferimento amorevole per tutta la comunità montemarcianese.

«È bello ritrovarsi per questa cerimonia con la quale a nome di tutta l’amministrazione comunale e della cittadinanza premiamo i concittadini che hanno onorato la nostra comunità – dice l’assessora alla partecipazione democratica Monica Magnini – sono certa che ci sono molti altri cittadini che in questo anno, in silenzio, hanno fatto qualcosa per la nostra comunità, probabilmente avremmo dovuto consegnare altri riconoscimenti. Pur non essendo esaustivo di tutte le realtà e di tutte le buone azioni che ci sono state, i riconoscimenti vanno alle associazioni e ai singoli cittadini che sono stati notati dall’Amministrazione o che sono stati segnalati da altri concittadini».

Si tratta di un riconoscimento simbolico a testimonianza della riconoscenza che tutto il Comune deve alle persone che hanno dimostrato sensibilità in un momento particolarmente delicato come quello dell’accoglienza della popolazione ucraina, che hanno dimostrato di aver cura del territorio o che, con le loro azioni, hanno dato e continuano a dare lustro al paese.